Accademia Arti Marziali M° Ziveri


Vai ai contenuti

Corsi > Karate Shotokan

IL KUMITE (COMBATTIMENTO)

Il
kumite è il combattimento vero e proprio, un'attività nella quale due avversari si attaccano e difendono vicendevolmente utilizzando le tecniche del karate.
Per capire di cosa si tratta, è necessario fare alcune distinzioni. Distinguiamo il combattimento
formale o convenzionale da quello libero, e questi dal combattimento sportivo.


C:\Documents and Settings\claudio.d\Desktop\Ronin Sito\clipart\kion.gif
Error File Open Error

Il combattimento formale o convenzionale

Con il combattimento formale si esercita l'abilità di valutazione della distanza e del ritmo in funzione dell'avversario in situazioni diverse.
Questo tipo di combattimento necessita di un controllo costante delle tecniche poiché l'attacco deve bloccarsi ad una distanza compresa tra tre e gli zero centimetri dall'avversario e tuttavia deve essere praticato con il kime.
Kime si può tradurre come "decisione estrema", cioè l'espressione dell'efficacia massima delle tecniche corporee. Due nozioni sono racchiuse all'interno di quella di kime : quella di perfezione estrema e quella di grado di forza elevato fino al limite.
I due avversari allora elaborano alternativamente l'attacco e la difesa.


Esistono tre forme abituali di combattimento convenzionale:

1) Kion kumite

C:\Documents and Settings\claudio.d\Desktop\Ronin Sito\gif animate\kumite.gif
Error File Open Error


Consiste di un attacco e una parata semplici scelti fra le tecniche di base e predeterminati, ripetuti da
tre a cinque volte.
A seconda del numero di passi (ripetizioni) si avranno:

- Gohon Ippon Kumite: combattimento fondamentale a cinque passi in cui i due atleti si dispongono frontalmente alla distanza di un pugno, uno dei due partendo dalla posizione di guardia (kamae) dichiarata esegue gli attacchi facendo cinque passi avanti mentre l'altro effettua cinque parate arretrando ed infine contrattacca sul posto con un pugno a livello medio (chudan giaku zuki )

Esempio:
ATTACCO
Oi Tsuki Jodan PARATA Age Uke
ATTACCO Oi Tsuki Chudan PARATA Soto Uke
ATTACCO Mae Geri PARATA Gedan Barai
ATTACCO Yoko Geri PARATA Soto Uke
ATTACCO Mawashi Geri PARATA Soto Uke + contrattacco pugno medio (chudan gyaku tzuki)


- Sanbon Ippon Kumite: combattimento fondamentale a tre passi in cui i due atleti sono sempre disposti frontalmente alla distanza di un pugno, uno dei due attacca facendo tre passi avanti e l'altro arretra facendo tre parate ed infine contrattacca sul posto.

Esempio:
ATTACCO
Oi Tsuki Jodan PARATA Age Uke
ATTACCO Oi Tsuki Chudan PARATA Soto Uke

ATTACCO Mae Geri PARATA Gedan Barai + contrattacco pugno medio (chudan gyaku tzuki)

In questo tipo di combattimento si impara la concordanza delle cadenze che è il livello più elementare, allenandola in modo ripetitivo e inoltre si imparano a valutare i concetti di "
distanza " e di "intervallo di tempo ".

2) Jyu Ippon Kumite

Combattimento semilibero ad un passo
L'Jyu ippon kumite serve a studiare tecniche offensive e difensive, ad allenare gli spostamenti ed a comprendere il "maai" (distanza).
I due atleti si dispongono una davanti all'altro a distanza di due metri, eseguono il kamae e alternandosi attaccano previa dichiarazione le tecniche:

ATTACCO Oi zuki Jodan PARATA Age uke
ATTACCO Oi zuki chudan PARATA Soto uke
ATTACCO Mae geri PARATA Gedan kake uke o Gedan Barai
ATTACCO Yoko geri PARATA Soto uke
ATTACCO Mawashi geri PARATA odan ude uke

C:\Documents and Settings\claudio.d\Desktop\Ronin Sito\bunkai\5.jpg
Error File Open Error

3) Il combattimento libero


Con il combattimento tradizionale si esercita l'abilità di valutazione della distanza e del ritmo in funzione dell'avversario in situazioni diverse.
Nel combattimento libero tradizionale gli avversari lavorano controllando gli attacchi, lo fanno liberamente seppur nel rispetto di certe convenzioni perché comunque non si tratta di un combattimento reale. Nel combattimento libero occorre in primo luogo perfezionare la capacità di controllo, la percezione dei movimenti e la percezione degli attacchi dell'avversario. Nel combattimento libero si cerca di integrare la valutazione della distanza con la scelta di tempo e ritmo di esecuzione nella totalità delle tecniche pur restando all'interno della convenzione. Le abilità che si esercitano, consentono di arrivare alla vittoria, da una parte individuando i momenti di vuoto dell'avversario, e dall'altra valutando correttamente sia la distanza che il tempo di esecuzione insieme alla percezione degli istanti di pericolo e di sicurezza.

Nel karate gli istanti di sicurezza sono quelli in cui la mano o il piede di un avversario non ci toccano anche se si trovano a distanza molto ravvicinata, e questa è un'analogia rispetto al combattimento con la sciabola. La valutazione rigorosa ed esatta della distanza spaziale e temporale come l'assimilazione e la padronanza dei diversi ritmi sono gli obiettivi da svilupparsi nel metodo di progresso.

"L'obiettivo sarà allora quello di acquisire una maturità della propria coscienza che consenta di insistere più intensamente nel tempo e nei gesti del combattimento".



Torna ai contenuti | Torna al menu
Privacy Policy